.

  ERNESTO FOTO, NOTIZIE E VARIA UMANITA', OVVERO L'IMPORTANZA DI CHIAMARSI
 
Diario
 



Non sono il primo e non sarò l'ultimo ad aprire un blog, nè credo di avere sensazionali rivelazioni da offrire a chi leggerà queste righe.
Credo di avere un buon fiuto nel pescare notizie interessanti e articoli "sfiziosi" per tutti coloro che non hanno abbandonato l'esercizio del dubbio come strumento critico (necessario per formarsi una opinione non allineata) e per tutti coloro che sono curiosi di vedere fin dove si può "spingere" la follia mediatica.
Ho chiamato Ernesto questo blog perchè Hemingway è per me un grande modello di riferimento e perchè Guevara ha influenzato molte delle mie scelte; mi rendo conto di quanto sono personali queste ragioni e quanto ininfluenti possano essere per la salute complessiva del mondo ma, piuttosto che utilizzare nomi stravaganti o perifrasi arzigogolate, ho preferito fare un modestissimo omaggio a questi due grandi esseri umani.
Il resto verrà da solo, giorno per giorno, senza fretta e senza ansia, con attenzione ma certamente con quella irruente passionalità che alcuni amici mi rimproverano

skyscraper banner










     Berluscounter!

       

   
 

DISCLAIMER 

Questo sito non costituisce testata giornalistica e non ha, in tutti i casi carattere periodico essendo aggiornato soltanto in base alla disponibilità nonchè alla reperibilita' dei materiali. Questo sito, pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001. L'Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. I commenti anonimi saranno ignorati ed eventualmente cancellati.

Alcune delle foto, disegni e tabelle presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore può contattare Ernesto per e-mail e richiederne la rimozione.           


7 aprile 2008

ERA ORA...

Finalmente spenta la torcia olimpica a parigi...  
FINALMENTE SPENTA A PARIGI LA TORCIA OLIMPICA DELLA VERGOGNA




permalink | inviato da ERNESTO il 7/4/2008 alle 15:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa


29 marzo 2008

BOICOTTARE O NO?

 

La Cina vieta l'import delle mozzarelle italiane

La Cina vieta le importazioni dall'Italia di mozzarella di bufala per il rischio di contaminazione da diossina. La decisione avviene proprio quando la crisi sembrava chiusa dalla decisione dell'Ue, soddisfatta dalle misure cautelative prese dalle autoritá italiane.
E noi italiani, non dovremmo boicottare le Olimpiadi in un Paese con la tortura, la pena di morte e un tasso di inquinamento ambientale da far impallidire persino i camorristi responsabili del disastro campano?




permalink | inviato da ERNESTO il 29/3/2008 alle 15:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


27 marzo 2008

CICCIOBELLO E' SEMPRE IL SOLITO...




permalink | inviato da ERNESTO il 27/3/2008 alle 15:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


3 marzo 2008

EVVIVA L'IPOCRISIA !!!

(ANSA)- BRUXELLES, 3 MAR - Il presidente della Commissione Ue Barroso ha inviato un messaggio di congratulazioni al neo presidente della Federazione russa Medvedev. Nel suo messaggio, Barroso sottolinea che la Federazione russa e l'Unione europea hanno fatto importanti progressi nella cooperazione. Congratulazioni al neo presidente russo anche dal cancelliere tedesco Merkel, che 'prevede di incontrare al piu' presto Medvedev', e dal presidente francese Sarkozy, che ha parlato di una 'vittoria convincente'.




permalink | inviato da ERNESTO il 3/3/2008 alle 14:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


2 marzo 2008

UNA NOTIZIA NASCOSTA DAI TG

Metà del cibo prodotto nel Regno Unito, ovvero 20 milioni di tonnellate all'anno, finisce nelle discariche.
Lo si apprende da una ricerca di un ex consulente del governo per l'agricoltura, pubblicata da "The Independent".
Circa 16 milioni di tonnellate vengono gettate nella spazzatura di case private, negozi, ristoranti, alberghi e fabbriche alimentari.
Il resto è distrutto nel percorso tra le fattorie o i campi e i negozi.
Lo spreco è pari a circa metà delle importazioni alimentari dell'intero continente africano.
Senza alcuna intenzione retorica e men che mai qualunquista, forse qualche titolato collega giornalista potrebbe scoprire quanta parte del cibo prodotto in Italia fa la stessa fine di quello inglese; magari qualche politico in corsa elettorale potrebbe persino farsi paladino di una campagna per un “risparmio alimentare consapevole”…
Per chi ha pazienza e voglia di approfondire, qui di seguito riporto l’articolo originale.
msv

Britons throw away half of the food produced each year
20m tons of food is chucked out from homes and supermarkets, enough to meet half of Africa's food import needs. By Susie Mesure. Britain is throwing away half of all the food produced on farms, according to the starkest estimate yet of the amount of edible produce we waste.
About 20m tons of food is thrown out each year: equivalent to half of the food import needs for the whole of Africa. Some 16m tons of this is wasted in homes, shops, restaurants, hotels and food manufacturing. Much of the rest is thought to be destroyed between the farm field and the shop shelf.
The total bill to the nation is estimated to be more than £20bn. The issue has come to the fore as supermarkets fight off criticism over billions of plastic carrier bags handed out free each year.
Lord Haskins of Skidby, a former government adviser on rural affairs and chairman of Northern Foods, said yesterday that tackling the mountain of food wasted in this country every year would help to preserve the environment and go some way towards feeding an expanding global population in the face of unprecedented food shortages.
In a move that illustrated the problem last week, Japan pledged more than 300m yen in food aid for Burundi, in Africa, where malnutrition runs at 44 per cent. The food thrown away in the UK last year would meet the equivalent of Burundi's shortages more than 40 times over.
Lord Haskins' estimate of the scale of food waste suggests the problem in the UK is far greater than previously imagined and came as global food prices hit new records. The United Nation's World Food Programme has admitted it might have to ration food aid in response to rocketing global food prices that have soared by more than 75 per cent since their lows of 2000, jumping by more than a fifth last year alone, prompting riots in some countries.
Consumers, in thrall to use-by dates and lured by supermarket multi-buy offers, are the biggest culprits, throwing away one-third of everything they buy, according to the Waste & Resources Action Programme, the Government's waste watchdog. The National Consumer Council will highlight the issue of buy-one-get-one-free promotions, which exacerbate the problem of food waste, in a campaign this spring.
Lord Haskins, whose former employer is one of Britain's largest food suppliers, urged governments to press their citizens to help "avoid disaster by dramatically reducing the ... unacceptable levels of food waste, which are a shameful feature of most modern consumer societies". He called recent controversy over supermarkets' free distribution of plastic bags "a red herring".
Tony Lowe, the chief executive of FareShare, the national food charity, said: "Unfortunately, we live in a world where many people do not have access to food in general, and good-quality food specifically, while at the same time millions of tons of perfectly fine food are being disposed of. In the UK alone, the extent of food poverty is staggering, as millions of people with low or no income find it harder to access affordable, nutritious food."
Estimates that the world's population will rise by 30 per cent over the next 50 years to around 8.5 billion have raised the spectre of a global food shortage too big for farmers to meet, Lord Haskins said. "If consumers ate a bit less and wasted a bit less you'd help to solve the problem. If the world was vegetarian then you'd solve the problem completely." One-third of wheat grown globally is fed to livestock reared to end up on the dinner table.
Experts believe that Lord Haskins might struggle to get people to listen. Tim Lang, food policy professor at City University, said: "Waste is a fundamental part of the food economy and it will be hard to get rid of. I do not see how simply appealing to morals will do it."
However, chefs, whom Lord Haskins berates for serving vast portions, claimed they do work hard to waste less. Michelin-starred Tom Aikens said: "It's morally wrong to throw away any food. To reduce waste you have to separate the food from the recycled objects so you can see the waste and then do something about it. If I could I would recycle the food waste, but unless regulations change or I can stick a wormery on my restaurant roof, then not a lot will change."
Supermarkets are very defensive on the subject of food waste. A Tesco spokesman said the retailer, which has not published figures showing how much it sends to landfill since 2004, wasted less than 1 per cent of its food each year. Waitrose, which alone of the big chains sells off "ugly" fruit and vegetables cheaply, said: "It is not in our business interests to produce any waste at all, so our branch managers work very hard to minimise it."
A spokesman for the British Retail Consortium said: "Retailers are working closely with suppliers to minimise waste through analysing the supply chain."
But Lord Haskins said supermarkets compound the issue of food wasted in the supply chain by giving suppliers far too little notice of their orders or cancelling orders at the last minute.
Help the planet...
The Independent on Sunday's top 10 tips to help you cut that food-waste mountain rotting in your bin:
1. Buy less if you don't think you can eat it: smaller joints, loose vegetables rather than pre-packed bags that are too big – and try not to fall for quite so many buy-one-get-one-free offers.
2. Use your imagination with leftovers: that half a roast-chicken would make a perfect pie, sandwich filling or form the basis for a salad.
3. Don't let vegetables rot in the bottom of the fridge: even older vegetables make decent soups, casseroles or curries.
4. Remember to cancel that vegetable box if you're going to be dining out a lot that week.
5. Don't over-order in restaurants; if you do, make like an American and ask for a doggy bag.
6. Use common sense rather than use-by dates when deciding what to throw away.
7. Become friends with your freezer: make your own frozen ready-meals with last night's leftovers or any food that you have overbought.
8. Whiz up older fruit into a smoothie or bake it in a pudding.
9. Look out for the new plastic bags that will give your vegetables a longer lease of life in your fridge.
10. Try and shop more frequently so that you buy what you need, rather than rely on one major shopping trip.




permalink | inviato da ERNESTO il 2/3/2008 alle 21:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


2 marzo 2008

BELLE FACCE DA SCHIAFFI...

  Il presidente della Campania Antonio Bassolino: «Sento il dovere di andare avanti per dare un contributo, al fianco del commissario De Gennaro, per uscire dall'emergenza rifiuti e per combattere a testa alta perché emerga la verità, quella politica e quella giudiziaria. Perchè io non ho fatto nulla di male».




  «Berlusconi non ci ha fatto proprio niente! quello è solo un uomo inaffidabile, vergognosamente inaffidabile! E lo scriva, capito? Scriva che è inaffidabile e anche scortese con le donne».




permalink | inviato da ERNESTO il 2/3/2008 alle 13:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


2 marzo 2008

IL FINE GIUSTIFICA I MEZZI ?

 














permalink | inviato da ERNESTO il 2/3/2008 alle 8:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


29 febbraio 2008

SIC TRANSIT GLORIA MUNDI

Riina Jr a passeggio a Corleone: citta' incredula
Prima la firma in commissariato di buon mattino per evitare cronisti e telecamere, poi un giro in paese insieme ai familiari per salutare parenti e amici che non vedeva da sei anni, da quando cioe' era finito in carcere per associazione mafiosa. E' trascorsa cosi' la prima mattina a Corleone (Palermo) di Giuseppe Salvatore Riina, per tutti Salvuccio.

Una donna si da alle fiamme per protestare contro l'apertura di una discarica
Lucia De Cicco, 49 anni, si e' cosparsa di benzina e si e' data fuoco per protestare contro la riapertura della discarica a Giugliano in localita' Taverna del Re. Gli agenti di polizia, con gli estintori, sono subito intervenuti evitando il peggio.

Genova, portuale precipita da una nave e muore. Sciopero di 48 ore, scalo bloccato
I lavoratori del porto di Genova e del Vte di Voltri hanno proclamato 48 ore di sciopero a seguito dell'incidente, avvenuto questa notte, in cui ha perso la vita un operaio, Fabrizio Canonero. La decisione è stata presa dopo un primo blocco spontaneo del terminal Sech di San Benigno, cui hanno aderito per solidarietà anche i lavoratori del Vte di Voltri.




permalink | inviato da ERNESTO il 29/2/2008 alle 17:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


25 febbraio 2008

IL PASTORE TEDESCO ABBAIA E "FAMIGLIA CRISTIANA" FA IL CORO...

 "La societa' intera e in particolare i settori legati alla scienza medica sono tenuti ad esprimere la solidarieta' dell'amore, la salvaguardia e il rispetto della vita umana in ogni momento del suo sviluppo terreno, soprattutto quando essa patisce una condizione di malattia o e' nella sua fase terminale". Lo afferma Benedetto XVI nel suo discorso al Congresso sull'accompagnamento alla morte promosso in Vaticano dalla Pontificia Accademia della Vita.
Di fronte alle pressanti "spinte eutanasiche", dettate da una "visione utilitaristica nei confronti della persona", il Papa ha ribadito oggi "la ferma e costante condanna di ogni forma di eutanasia diretta". Di cio' ha parlato ricevendo i partecipanti al convegno organizzato dalla 'Pontificia Accademia della Vita' sui malati terminali. 
"Pasticcio veltroniano in salsa pannelliana". Questo il severo giudizio di  'Famiglia cristiana', in edicola mercoledì, sull'intesa del Pd con i Radicali.
I cattolici che hanno deciso di fare politica nel Partito democratico - scrive il settimanale dei Paolini - giudicano severamente la scelta di Veltroni di imbarcare nelle liste i radicali di Marco Pannella e di Emma Bonino e si pongono pure qualche dubbio circa la scelta di candidare a Milano il professor Umberto Veronesi, autore di una sorta di manifesto per la 'libera scelta di morire', cioè l'eutanasia, anche se lui ha detto che si occuperà solo di migliorare la sanità in Italia. I radicali hanno una concezione 'confessionale' della loro identità. Ogni scelta, ogni nome ha valore simbolico. La squadra di candidati, negoziata con Walter Veltroni, ha una forte fisionomia radicale, connotata su battaglie che, come ha detto Emma Bonino, 'non si interrompono affatto'. E' facile dire quali siano: aborto, eutanasia, depenalizzazione della droga. E poi c'e' l'abolizione del Concordato e dell'8 per mille, e sopra ogni cosa un'ideologia libertaria, in salsa pannelliana, alternativa alla storia e ai principi etici, economici e sociali di questo Paese. Basta ascoltare Radio radicale dove quasi ogni giorno sono costantemente attaccati e messi alla berlina Papa, Chiesa e i valori cattolici".

Ogni commento mi pare superfluo: chi avesse avuto ancora dubbi sul ritorno agli anni più bui del cattolicesimo integralista e reazionario ora si dovrà confrontare con quest'ultima bravata del pastore tedesco e dei suoi servi sciocchi...
msv




permalink | inviato da ERNESTO il 25/2/2008 alle 16:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


23 febbraio 2008

LE "ALTRE" NOTIZIE

DA RAINEWS 24:

/ MONDO | Los Angeles | 23 febbraio 2008
Britney Spears "molto presto" potra' rivedere i figli

/ ITALIA | Palermo | 23 febbraio 2008
Lampedusa, si cerca barcone con circa 90 clandestini a bordo

/ ITALIA | Aosta | 22 febbraio 2008
Professore condannato per pedofilia e' stato riammesso a scuola

/ MONDO | Mosca | 22 febbraio 2008
Putin: indipendenza del Kosovo e' un precedente "orribile"

/ ITALIA | Roma | 22 febbraio 2008
Berlusconi: in caso di pareggio alle elezioni si' alle larghe intese

/ MONDO | Ankara | 22 febbraio 2008
Il presidente turco firma la riforma costituzionale sul velo all'universita'

/ ITALIA | Roma | 22 febbraio 2008
Veltroni: se vinciamo, governo molto diverso da quello Prodi

/ MONDO | Avana | 22 febbraio 2008
Castro: sono esausto, mi sento sollevato per aver lasciato la presidenza

/ SHOWBIZ | New York | 22 febbraio 2008
Jennifer Lopez diventa mamma di due gemelli

/ ITALIA | Roma | 22 febbraio 2008
Forza Italia lancia la Prestigiacomo in Sicilia, sfida con la Finocchiaro. Mpa frena

/ ECONOMIA | Roma | 22 febbraio 2008
Record storico per il gasolio a 1,33 euro

/ ECONOMIA | Roma | 22 febbraio 2008
Istat, a gennaio l'inflazione sale al 2,9%. Per la spesa quotidiana al 4,8%

/ ITALIA | Roma | 22 febbraio 2008
Fini: "Nel Pdl candidati al di sopra di ogni sospetto"

/ ITALIA | Como | 22 febbraio 2008
Strage Erba, lite tra gli avvocati. Oggi sfilano i testimoni dell'accusa

/ ITALIA | Agrigento | 22 febbraio 2008
Sbarco nella notte di 368 immigrati a Lampedusa, anche diversi minori

/ MONDO | Austin | 22 febbraio 2008
Confronto pacato tra Hillary e Obama

/ SCITECH | Roma | 21 febbraio 2008
Scoperta la piu' grande struttura di materia oscura, pietra miliare per l'astronomia

/ MONDO | Ankara | 21 febbraio 2008
Attacco turco ai curdi lungo il confine con l'Iraq

/ ITALIA | Roma | 21 febbraio 2008
Bondi: "Gli inquisiti fuori dalle liste" ma poi corregge il tiro

/ MONDO | L'Avana | 21 febbraio 2008
Cuba, il Papa invita alla riconciliazione

/ MONDO | Parigi | 21 febbraio 2008
Il figlio di Sarkozy candidato consigliere provinciale

/ ITALIA | Roma | 21 febbraio 2008
Il Csm: "Il pm De Magistris ha violato le regole, con poco rispetto per le persone"




permalink | inviato da ERNESTO il 23/2/2008 alle 10:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


22 febbraio 2008

GIORNALISMO ANGLOSASSONE...

 IL NYT SMASCHERA MCCAIN, "RELAZIONE CON UNA LOBBISTA"
NEW YORK - Il senatore dell'Arizona John McCain, dato per favorito per diventare il candidato repubblicano alla Casa Bianca, oggi incassa un colpo dal New York Times che tira fuori una relazione sentimentale con una lobbista avuta nove anni fa agli albori della prima corsa di McCain alla Casa Bianca. Rivelazioni che potrebbero gettare discredito su questa seconda, e più fortunata, campagna presidenziale di McCain basata su etica e correttezza.. Lo staff di McCain smentisce immediatamente e bolla quella del New York Times come una "campagna diffamatoria" che "non riuscirà a distrarre dalle vere questioni di queste elezioni", si legge nel comunicato diffuso dal direttore della campagna di McCain, Jill Hazelbaker.
McCain ha detto di non aver mai avuto rapporti sessuali con la lobbista Vicki Iseman. "Era solo un'amica", ha detto McCain che ha definito "non vera la storia del New York Times e negato che il suo rapporto con la Iseman possa aver prefigurato un conflitto di interesse.
Con la moglie Cindy al fianco, McCain ha risposto alle domande dei giornalisti in Ohio dove sta facendo campagna elettorale. "Mi fido di mio marito, sono molto delusa dal New York Times", ha detto Cindy. Il senatore è ad oggi il favorito per diventare il candidato repubblicano alla Casa Bianca. I rapporti tra lui e la Iseman, una lobbista delle telecomunicazioni al tempo in cui McCain guidava la commissione del Senato che si occupava del settore, risalgono a nove anni fa e misero in allarme, secondo il New York Times, gli strateghi che aiutavano il senatore nella sua prima corsa alla Casa Bianca nel 2000. Le rivelazioni rischiano di gettare discredito su questa seconda, e più fortunata, campagna presidenziale di McCain basata su etica e correttezza. "Convinti che il rapporto con la donna fosse diventato di tipo sentimentale, alcuni dei suoi più stretti collaboratori di McCain erano intervenuti invitando la donna discretamente ad allontanarsi e anche affrontando spesso lo stesso McCain sull'argomento", ha scritto il New York Times citando fonti anonime della stessa campagna.
McCain ha smentito che i suoi collaboratori di allora lo avessero messo in guardia sulla relazione con la lobbista. Il New York Times aveva ipotizzato un conflitto di interesse nel caso di McCain e la lobbista sostenendo che come presidente di commissione il senatore aveva favorito progetti di legge che stavano a cuore all'amica. L'avvocato di McCain Bob Bennett ha detto oggi alla Nbc di aver portato all'attenzione del New York Times una decina di casi in cui McCain si oppose a iniziative legislative richieste dalla lobby della Iseman: "Il quotidiano non ne ha citato neanche uno nell'articolo".
Fin qui la storia così come è stata riportata dai maggiori organi di stampa italiani ma, negli Stati Uniti, THE NEW REPUBLIC è uscito con un pezzo sul suo sito web in cui rivela i retroscena "pesanti" dello scoop pubblicato dal NYT.
L'articolo è in inglese (ovviamente) e vale come esempio e lezione per molti colleghi pressapochisti che inondano i giornali di inchiostro inutile...
Chi volesse può leggere la versione integrale seguendo questo link: 
http://www.tnr.com/politics/story.html?id=8b7675e4-36de-43f5-afdd-2a2cd2b96a24




permalink | inviato da ERNESTO il 22/2/2008 alle 7:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


21 febbraio 2008

MA PERCHE' NON SI LEVA "DI TORNO"?

Mentre il Wall Street Journal scrive che "Le imminenti elezioni politiche creano confusione nelle sale di consiglio delle aziende nazionali. E gli investitori sono giustamente preoccupati", la senatrice Paola Binetti non perde occasione per distinguersi quanto a idiozia e intolleranza.
«I radicali dicono di avere il 2 per cento? Corrano da soli allora, misurino le loro forze e dimostrino così qual è il loro peso». La senatrice teodem è pronta a rendere la vita difficilissima, anzi impossibile, ai radicali che dovessero mai candidarsi nelle liste del Partito democratico. 
C'è da chiedersi perchè l'indossatrice di cilicio non si toglie dalle palle e va con la destra di Storace dove sarebbe in ottima compagnia ma, soprattutto, ci si domanda quale ricatto politico sta esercitando su Veltroni. Di certo il PD trarrebbe solo vantaggi se sostituisse una reazionaria del genere con una giovane donna, magari cercata in un ambito di intelligenza del terzo millennio anzichè sopportare voci oscurantiste che farebbero rabbrividire anche Torquemada.
Intanto, in Iraq, il braccio iracheno di al Qaida ha compiuto 3 attacchi nel Nord dell'Iraq che hanno causato negli ultimi 2 giorni la morte di 6 bambini. Tre bambini sono stati uccisi e 7 feriti in un attacco terroristico a colpi di mortaio a Balad. L'esplosione di un'autobomba ha causato la morte di un bambino e il ferimento di 8 a Tellafer. Sei persone, tra cui 2 bambini, sono morte e 18 ferite in un attacco suicida nella provincia di Diyala.
msv




permalink | inviato da ERNESTO il 21/2/2008 alle 13:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


20 febbraio 2008

BUFFONI, SERVI E FINTI ONESTI...

Ferrara non si candida a sindaco di Roma.
De Mita lascia il Pd e contatta la Rosa bianca

"Cari amici, dal momento che siete orientati a non collaborare con la mia lista per la vita e contro l'aborto, vi prego di prendere nota della mia indisponibilità ad accogliere la vostra offerta di candidarmi a sindaco di Roma. Con i migliori e pi- cordiali saluti, e con gli auguri per una buona e serena campagna elettorale". Ferrara dunque non si candida a Roma e lo fa scrivendo una lettera inviata a Gianfranco Fini e Gianni Alemanno.

Intanto Ciriaco De Mita annuncia di lasciare il Pd. "I criteri di selezione della classe dirigente del Pd fanno riferimento all'età e non all'intelligenza. Lo ritengo un insulto, quindi non vedo più le condizioni per parteciparvi". De Mita riferisce ai giornalisti il suo intervento al coordinamento nazionale del partito in cui ha annunciato di lasciare il progetto. "Io nell'applicazione dello statuto sono vittima dell'età. Mi ribello e vi lascio", dice De Mita che aggiunge di aver parlato brevemente: "Il mio intervento è durato 27 secondi. Ho spiegato che la mia partecipazione alla costruzione del Pd è stata sempre accompagnata da preoccupazioni e dubbi".
E secondo fonti parlamentari, ci sono già stati contatti fra De Mita e i parlamentari de La Rosa Bianca, Bruno Tabacci e Mario Baccini, per valutare un possibile impegno e quindi la candidatura dell'ex segretario Dc nella neonata formazione di centro.

Il vice-ministro dell'Economia Vincenzo Visco rifiuta intanto la sua candidatura nel Pd e lo fa sempre con una lettera, inviata al segretario del Partito democratico Walter Veltroni. "La mia presenza in Parlamento non è decisiva", scrive il responsabile della politica fiscale che, dopo sette legislature passate in Parlamento, richiama invece l'attenzione su un gruppo di "giovani economisti interessati alla politica ed ai problemi del Paese". "Ritengo che la mia rinuncia alla candidatura - aggiunge Visco - possa (e debba) essere l'occasione per valorizzare e promuovere alcuni di questi giovani che gia' hanno dimostrato sul campo le proprie qualità".




permalink | inviato da ERNESTO il 20/2/2008 alle 13:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


19 febbraio 2008

HASTA LA VICTORIA, SIEMPRE!!!

(Reuters)Cari compatrioti:
lo avevo promesso venerdì scorso il 15 febbraio che nella riflessione successiva avrei affrontato un argomento di interesse per molti compatrioti. Ed esso assume questa volta la forma di questo messaggio. E' arrivato il momento di nominare e scegliere per il Consiglio di Stato, il suo presidente, il vicepresidente, il segretario. Ho ricoperto l'incarico di presidente per molti anni. Il 15 fébbraio 1976 è stata approvata la costituzione socialista con un voto libero, diretto e segreto di oltre il 95% dei cittadini con diritto di voto.
La prima Assemblea nazionale è stata costituita il 2 dicembre di quell'anno e ha eletto il Consiglio di Stato e il suo presidente. (...) Ho sempre avuto le prerogative necessarie per portare avanti l'opera rivoluzionaria con l'appoggio dell'immensa maggioranza del popolo.
ConCon lo scrittore Ernest Hemingway in una foto del 1961 (Archivio Rcs)oscendo le mie condizioni di salute critiche, molti all'estero pensavano che la rinunica temporanea alla carica di presidente del Consiglio di Stato del 31 luglio 2006, che ho lasciato nelle mani del vicepresidente Raúl fosse definitiva. Ma lo stesso Raúl e gli altri compagni della direzione del partitosono stati poco inclini a considerarmi sollevato dal mio incarico malgrado il mio stato precario di salute.
La mia posizione era davvero scomoda, di fronte ad un avversario che ha fatto tutto l'immaginabile per piegarmi e ho cercato di reagire.
Dopo il ritiro ho potuto riacquistare il controllo totale della mia mente, la possibilità di leggere e di riflettere molto, obbligato dal riposo. Ho avuto abbastanza forza fisica da scrivere per molte ore, che ho ripartito con i programmi di recupero e di riabilitazione. Il buonsenso mi diceva che questa attività rientrava nelle mie possibilità D'altra parte quando ci si riferiva alla mia salute facevo estrema attenzione per evitare di alimentare aspettative poiché ritenevo che un epilogo avverso avrebbe portato notizie traumatiche per il nostro popolo nel cuore della battaglia. Quindi, il mio primo dovere era preparare la nostra gente sia politicamente che psicologicamente per la mia assenza dopo tanti anni di lotta. Ho continuato a dire che il mio recupero "non era al riparo da rischi".
Mi sono sempre augurato di compiere il mio dovere fino all'ultimo respiro. Questo è quanto posso offrire.
Ai miei cari compatrioti, che recentemente mi hanno reso un così alto onore eleggendomi quale membro di un Parlamento chiamato a decidere provvedimenti di massima importanza per il nostro destino, sto dicendo che io non aspirerò né accetterò - ripeto - non aspirerò né accetterò la carica di Presidente del Consiglio di Stato e di comandante in capo".
(...)
Tradirei la mia coscienza occupando un posto di responsabilità che esige mobilità e un impegno totale che io non sono, fisicamente, in grado di offrire. Lo dico senza drammatizzare.
Fortunatamente, la nostra rivoluzione conta ancora su quadri della vecchia guardia, uniti ad altri che erano più giovani quando è cominciata la prima tappa di questo processo. Alcuni erano molto giovani, quasi bambini, quando si sono uniti alla lotta sulle montagne e dopo hanno dato gloria al paese con le loro prestazioni eroiche e le loro missioni internationali. Hanno l'autorità e l'esperienza per garantire il ricambio. C'è inoltre la generazione intermedia che ha imparato insieme a noi i principi fondamentali e l'arte quasi irraggiungibile di organizzare e guidare una rivoluzione.

Con Che Guevara (Archivio Rcs)


Il cammino sarà difficile e richiederà lo sforzo intelligente di tutti.
Diffido dei sentieri apparentemente facili degli apologeti o qeulli contrari dell'autoflagellazione. Dovremmo essere preparati sempre per l'eventualità peggiore. Il principio di essere prudente nel successo quanto nelle avversità non va dimenticato con calma. L'avversario da sconfiggere è estremamente forte; tuttavia, abbiamo potuto mantenerlo lontano dalla baia per metà secolo.
Non vi dico addio. Spero di combattere come un soldato delle idee. Continuerò a scrivere sotto il titolo "Riflessioni del compagno Fidel". Sarà un'arma su cui poter contare: la mia voce forse verrà ascoltata, sarò prudente.

Grazie. 

 


 




permalink | inviato da ERNESTO il 19/2/2008 alle 12:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


16 febbraio 2008

CHI E' SENZA PECCATO...?

«Benigni è un fenomeno da baraccone, ha stravolto Dante invece di interpretarlo. Del resto, lui, marxista, come può intendere la profondità di Dante? Ci vuole cuore, e dubito che quel signore lo abbia».
È molto severo il giudizio del noto regista e parlamentare di Forza Italia Franco Zeffirelli sulla lettura della Divina Commedia proposta dal comico toscano su Rai Uno. Secondo il regista, «Benigni trionfa grazie ad un clima culturale compiacente ed ammiccante». «Basta guardare il Tg1, che in ogni edizione della sera gli dedica ampio spazio anche solo per uno starnuto», spiega il maestro Zeffirelli in un'intervista al sito cattolico «papanews.it». «Ma io - aggiunge -
non riesco ad essere falso e ad allinearmi alla moda del momento: boccio Benigni su tutta la linea, non mi piace, con buona pace dei suoi servi sciocchi».
CAOS CALMO - Zeffirelli ritorna nell'intervista anche sul clamore suscitato dalle critiche rivolte dal responsabile Cei per la pastorale giovanile al film «Caos Calmo». «Per principio - confessa - non vedo mai i film di Nanni Moretti, perchè non li considero degni di considerazione e osservazione, men che meno quest'ultimo che, a quanto pare, si è avvalso anche dell'appoggio di buona parte dell'informazione, complice della cultura del volgare e del conformismo di sinistra». Quanto alle scene di sesso,
«bisognerebbe buttarle nel water, ma - lamenta il regista fiorentino - ormai non mi meraviglio più di nulla: viviamo in una società che ha smarrito del tutto il senso dell'etica e della morale; la famiglia, quella tradizionale, è attaccata da venti di relativismo etico, e a preoccupare maggiormente per i loro comportamenti non sono i figli ma i genitori. Pensi a quelle madri che vanno di continuo dall'estetista o si imbellettano o che escono e vagano fuori casa tutto il santo giorno. Ecco, quale esempio possono dare queste donne alle ragazzine di oggi e alle loro stesse figlie? Il potere dell'emulazione è enorme. E i risultati, pessimi, sono sotto gli occhi di tutti».

Ma non è proprio il "fiorentin rabbioso" lo stesso regista che esaltava nei suoi film la efebica sessualità maschile (v: Romeo e Giulietta) e, nella sua villa di Positano, ospitava gioiose feste cui partecipavano i più giovani e vigorosi pescatori della Costiera Amalfitana?
Ben lungi da atteggiamenti falsamente puritani e omofobici, varrebbe considerare che l'età e i trascorsi del regista lo dovrebbero indurre ad un sobrio silenzio piuttosto che ad un ormai trito e ritrito starnazzare isterico tipico di certi personaggi che "vorrebbero ma più non possono"...
msv




permalink | inviato da ERNESTO il 16/2/2008 alle 13:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


14 febbraio 2008

BELL'ITALIA...

Scaramella condannato a 4 anni, ma non tornera' in carcere per l'indulto
Mario ScaramellaHa patteggiato la pena a quattro anni di reclusione e, grazie all'indulto, può considerare chiusi i conti con la giustizia. Mario Scaramella, l'ex consulente della commissione Mitrokhin, è tornato in libertà oggi su decisione del gup Marco Patarnello davanti al quale si è conclusa la sua vicenda giudiziaria.
Scaramella era stato indagato per concorso in importazione, detenzione e porto di munizionamento da guerra, esplosivo e armi, e per il reato di calunnia per aver accusato nel 2005, pur sapendolo innocente, l'ex ufficiale del Kgb Alexander Talik, di aver introdotto in Italia due granate e un detonatore elettrico che sarebbero serviti per un attentato ai suoi danni, a quelli del suo consulente dell'epoca Andrei Ganchev e del senatore Paolo Guzzanti, allora presidente della commissione parlamentare.
Scaramella era finito in carcere il 24 dicembre del 2006 e dal giugno dello scorso anno era ai domiciliari. I suoi difensori hanno preferito patteggiare la pena riservandosi di presentare un'istanza per fare in modo che il patteggiamento venga esteso in continuazione (in cambio di una reclusione aggiuntiva pari a 4 mesi e venti giorni) a un'altra inchiesta del pm Pietro Saviotti che vede Scaramella indagato per associazione per delinquere e truffa ai danni dell'Ente Parco del Vesuvio.
Ma alla luce di quanto già scontato come carcerazione preventiva, Scaramella non rischia più alcuna privazione della libertà personale. Secondo la ricostruzione investigativa, Scaramella, che spiegò di aver appreso l'informazione sull'arrivo delle armi in Italia dopo un incontro tra Maxim Litvinienko e il fratello Alexander, il presunto colonnello dei servizi segreti russi ucciso a Londra nel novembre del 2006 da una massiccia dose di Polonio 210, avrebbe manipolato notizie infondate e inventate per accreditarsi agli occhi della commissione Mitrokhin




permalink | inviato da ERNESTO il 14/2/2008 alle 14:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


13 febbraio 2008

IPSE DIXIT... E COME DARGLI TORTO?

 Mi pare che stiamo perdendo la sinderesi, che nel De Mauro viene definita come (in filosofia medievale) la naturale capacità dell'animo umano di distinguere immediatamente il bene dal male e di avere consapevolezza della legge morale, ed estensivamente come capacità di giudizio e discernimento, per cui perdere la sinderesi significa perdere la bussola, non essere in grado di ragionare.

Umberto Eco (da L'ESPRESSO - 11 febb 2008)




permalink | inviato da ERNESTO il 13/2/2008 alle 10:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


12 febbraio 2008

ALLA MIA NAZIONE

Non popolo arabo, non popolo balcanico, non popolo antico
ma nazione vivente, ma nazione europea:
e cosa sei? Terra di infanti, affamati, corrotti,
governanti impiegati di agrari, prefetti codini,
avvocatucci unti di brillantina e i piedi sporchi,
funzionari liberali carogne come gli zii bigotti,
una caserma, un seminario, una spiaggia libera, un casino!
Milioni di piccoli borghesi come milioni di porci
pascolano sospingendosi sotto gli illesi palazzotti,
tra case coloniali scrostate ormai come chiese.
Proprio perché tu sei esistita, ora non esisti,
proprio perché fosti cosciente, sei incosciente.
E solo perché sei cattolica, non puoi pensare
che il tuo male è tutto male: colpa di ogni male.
Sprofonda in questo tuo bel mare, libera il mondo.

PIER PAOLO PASOLINI 1959




permalink | inviato da ERNESTO il 12/2/2008 alle 19:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


11 febbraio 2008

YES, HE CAN... WALTER DOESN'T !!!

 


OBAMA vince ancora e "rischia" di essere eletto,
WALTER predica ma rischia solo la citazione quotidiana su BLOB




permalink | inviato da ERNESTO il 11/2/2008 alle 17:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


2 febbraio 2008

ITALIA, UN PAESE A SOVRANITA' LIMITATA

Dieci anni dopo il pilota chiede clemenza e rivela: ci fu un accordo sulla condanna. I due militari Usa non vogliono essere radiati con disonore
"Cermis, patto segreto dietro il processo"
di ANDREA VISCONTI - LA REPUBBLICA

NEW YORK - A dieci anni dalla tragedia del Cermis il pilota e il co-pilota del Prowler che il 3 febbraio 1998 tranciò i cavi della funivia di Cavalese non sono ancora convinti di meritare di essere radiati dai Marines con disonore. È in corso infatti una procedura in appello per Richard Ashby e Joseph Schweitzer che quel giorno erano ai comandi di un aereo decollato da Aviano che aveva sorvolato Cavalese in maniera spericolata.
Velocità eccessiva e violazione dei limiti minimi di altitudine di volo furono i fattori esaminati dalla Corte marziale che scagionò i due Marines dall'accusa di omicidio colposo. Furono però radiati con disonore dalle forze militari per avere interferito con la giustizia. Avevano nascosto un videotape che riprendeva le manovre spericolate di quel giorno e lo avevano distrutto gettandolo il un falò. Una punizione all'acqua di rose: Ashby fu condannato a sei mesi di reclusione, di cui ne scontò solo quattro per buona condotta, e Schweitzer non passò neppure un giorno in carcere.
Andando in appello i due Marines hanno dimostrato di non accettare neppure questo verdetto così benevolo. Vorrebbero vedere rovesciata la radiazione con disonore per ottenere la pensione e altri vantaggi amministrativi. Richard Ashby ha chiesto che il giudice conceda la clemenza: bisognerà aspettare il 15 febbraio per vedere se l'autorità giudiziaria militare è intenzionata a concederla. Ashby basa la sua richiesta su quello che secondo lui fu un vizio nelle procedure giuridiche.
Sostiene infatti che ai tempi del processo che si tenne a Camp Lejeune, in North Carolina e durò quasi un anno - ci fu un patto riservato fra accusa e difesa per scagionare lui e il co-pilota delle accuse più gravi riservando però loro una bacchettata sulle mani, forse per soddisfare le pressioni che venivano dall'Italia. Ashby e Schweitzer ritengono che dieci anni fa i due team legali si erano messi d'accordo per mettere sotto il tappeto l'accusa di omicidio colposo multiplo. Ma l'accordo prevedeva di tenere duro per quanto riguarda l'accusa di avere occultato e distrutto le prove.
La loro colpevolezza significava perdere tutti i benefici di una carriera militare. Non soltanto la pensione ma anche condizioni favorevoli come il diritto a mutui a tassi agevolati, assicurazioni mediche e sulla vita basso costo e l'accesso a banche che offrono prodotti finanziari attraenti esclusivamente per militari sia attivi che in pensione. Ad Ashby, che oggi ha 42 anni, non andava giù di perdere tutti questi privilegi ed è andato in appello. A prendere in mano la situazione è stato il generale Joseph Weber, comandante del Marine Corps Forces Command, che ha messo in moto un procedimento per rivisitare il caso di Ashby e Schweitzer.
Nel caso di quest'ultimo la decisione è arrivata il 28 novembre scorso. Il generale Weber ha deciso che la procedura giuridica fu corretta e non c'era motivo di cambiare il verdetto. Era stato questo giovane di Long Island a distruggere le prove qualche giorno dopo la tragedia. Schweitzer il 1 novembre scorso aveva testimoniato davanti al tribunale di Camp Lejeune facendosi perfino venire le lacrime agli occhi. Aveva dichiarato di non aver mai visionato le immagini del videotape girate quel lontano 3 febbraio. "Accetto la responsabilità per le mie azioni e rispetto la decisione che fu presa dalla giuria", aveva detto Schweitzer.
Per Ashby invece la questione è ancora aperta e non è detto che Weber debba pronunciarsi in modo analogo. Una cosa il generale non ha il potere di fare: non può aumentare la sentenza che fu imposta allora. Potrebbe eventualmente ridurla eliminando le conseguenze amministrative negative. Si saprà solo dopo il 15 di febbraio se la clemenza è una strada percorribile.
Quel giorno di dieci anni fa c'erano altri due piloti dei Marines a bordo del Prowler. Anche loro furono sottoposti a Corte marziale ma sia William Rainey che Chandler Seagraves furono giudicati non colpevoli in quanto non solo non erano ai comandi ma, seduti dietro, avevano anche scarsa visibilità delle manovre. Nonostante questo sorprende perfino coloro che seguono da vicino il sistema di giustizia militare Usa il fatto che Seagraves abbia continuato a volare.
Anzi nel settembre 2002 gli fu data addirittura l'opportunità di distinguersi diventando pilota d'élite con i cosiddetti "Angeli Azzurri". Da allora ha accumulato oltre 1900 ore di volo ottenendo tre medaglie e vari riconoscimenti. Una volta ha perfino partecipato al noto David Letterman Show in tarda serata facendo battute sui privilegi riservati a questi piloti.

(2 febbraio 2008)




permalink | inviato da ERNESTO il 2/2/2008 alle 13:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

sfoglia     marzo       
 

 rubriche

Diario

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

ERNESTO PHOTOBLOG
SANDRO RUOTOLO
MARCO TRAVAGLIO
LA REPUBBLICA
CORSERA
IL MANIFESTO
EMERGENCY
PEACE REPORTER
WAR NEWS
PHOTO 8
PEACE LINK
MEDIA WATCH
OPERATION TRUTH
BAGHDAD CAFE'
PRESS FREEDOM WATCH
THE NEW YORKER
PHOTO REPORTAGE
MISTERI D'ITALIA
international federation of journalists
THE VILLAGE VOICE
THE NEW REPUBLIC
TIME LIFE PICTURES
FOREIGN AFFAIRS
ITALIENI
INTERNATIONAL CENTER OF PHOTOGRAPHY
WIKIPEDIA
MARE MAGNUM LIBRORUM
GIOVANNI FLORIS
DAN BROWN
PHOTO DISTRICT NEWS
CAPITANO ULTIMO
INGRID BETANCOURT
DAGOSPIA
IL BARBIERE DELLA SERA
BEPPE GRILLO
CARTA
UN PONTE PER...

MARCO
MARCO NIPOTE PHOTOBLOG
SALVATORE PHOTOBLOG
LINO PHOTOBLOG
YURI PHOTOBLOG
LINO
GIANLUCA
ROSENCRANZ
ALZATA CON PUGNO

Blog letto 201437 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom